Martini Dry

black-and-white-alcohol-bar-drinks

Un cocktail che sia in sintonia con il vostro stile impeccabile e formale?
Senza ombra di dubbio esso è il Martini Dry, un pre-dinner a base di vermut e gin, simbolo della cultura americana moderna e padre di tutti gli odierni cocktail.
Esso infatti è considerato il primo cocktail nella storia, e risale al 1862 con il termine di “Martinez”, si pensa in onore al nome dell’omonima città Californiana.
Il suo creatore fu Jerry Thomas, barista presso l’ Occidental Hotel di San Francisco, che lo realizzò mescolando Vermouth dolce (tipicamente Italiano) e Gin, il tutto, guarnito con una fettina di limone.
L’odierno Martini Dry invece, varia nell’uso del Vermouth secco ( di origine Francese), dal tipo di Gin, meno dolce rispetto a quello dell’epoca e dall’essere guarnito da un’oliva in sostituzione della fettina di limone.
Ideale per una serata dai toni eleganti e romantici, lo consiglio a chi vuole essere impeccabile in ogni situazione, sia a casa che fuori, e desidera apparire di classe ad un’appuntamento anche solo reggendo in mano il bicchiere, uno dei punti di forza del Martini Dry.cocktail-995574_960_720

INGREDIENTI

6 cl. Gin
1 cl. Vermouth dry
1 oliva o twist di limone (a seconda delle proprie preferenze)

PREPARAZIONE

Si versano Gin e Vermouth dry nel mixing glass e si aggiunge il ghiaccio.
Si mescola bene il tutto e lo si versa nel tipico bicchiere da Martini.
Infine si guarnisce con l’oliva o il twist di limone.

Buona degustazione.

Recent Posts

Recent Comments

Archives

Categories

Meta

Archives

riccardocarmagnola Written by:

Be First to Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *